L’Italia e Internet: come siamo messi?

No Comments

Il 2015 si é appena concluso e il passaggio tra il vecchio e il nuovo anno é sempre un ottimo momento per fare il punto della situazione. Noi di Zenzero Comunicazione vogliamo ragionare a voce alta sulla situazione italiana sul web. Com’è messo il nostro paese? Secondo alcuni studi, già dal 2014 l’Italia si piazza in posti non di certo d’eccellenza per utilizzo della rete e innovazione. Cosa ci frena?

A metà del 2014 circa il 35% degli italiani non usava ancora internet: bimbi piccoli e anziani sicuramente alimentano questa percentuale ma il livello di utilizzo degli strumenti del web è davvero basso. Siamo in compagnia di Portogallo, Grecia e Bulgaria, altre nazioni dove la diffusione é bassa.

total digital audience ottobre 2015

Uno dei primi elementi a frenare l’uso e la diffusione della rete nel nostro paese è la situazione delle banda larga. In media, nei paesi dell’Unione Europea, il 79% delle famiglie possiede una connessione internet casalinga. Il 68% di queste famiglie si affida alla velocità della banda larga che viene sfruttata per attività quotidiane (come fare la spesa online per poi ritirarla al supermercato) o per dialogare in modo semplice e diretto con la pubblica amministrazione e gli organi di governo.

Il secondo scoglio che gli italiani trovano sulla strada della crescita digitale é la poca confidenza nell’uso della carta di credito. Questo aspetto é stato ampliamente trattato anche durante il nostro Web Show 2015, negli interventi inerenti ad e-commerce e web-to-store.  In quasi tutti i paesi dell’Unione Europea la carta di credito è usata anche per spese piccole (come un biglietto della metro o del treno) e quotidiane. Sicuramente spese basse e facilità e trasparenza di gestione sono ottimi alleati dell’uso del pagamento elettronico… realtà che nel nostro paese é ancora legata ad una certa diffidenza.

Un dato sul quale l’Italia è concorde con il resto dell’Europa riguarda la costante crescita della navigazione da dispositivo mobile, smartphone in testa su tutti. Giovani e giovanissimi sono quindi utenti-chiave: monitorarne il comportamento, così come le abitudini di navigazione costituirà una base importante per capire come e quanto crescerà l’uso del web in Italia.

italia e uso del web

Author: Zenzero Comunicazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>